mercoledì 26 luglio 2017

Lo "scheletro di Fidenza"; l'esito non scontato della faccenda.


Andrea Massari, Sindaco di Fidenza, sbanca l'asta giudiziaria e il Comune si aggiudica la struttura da 2.700 mq per 351.000 euro, altrimenti nota come lo "scheletro di Fidenza" e dichiara: 
"Oggi è una giornata speciale per Fidenza: l’immobile ex Bocelli in via Gramizzi, che tutti i fidentini conoscono come lo scheletro dell’area ex Esso, è stato comprato dal Comune."
L'oggi è il 21 luglio ma sei mesi di lavoro hanno preceduto questo storico evento. Lo scheletro diventa caserma e, lavorando di fino, sarà perfino accettabile, vedremo.
In giro si tende a dar credito all'affermazione, di non nota provenienza, che sia stato l'articolo pubblicato nell'ultimo numero di "Cara Val Stirone" a spingere per una soluzione dell'annoso sospesourbanistico, ma non è così. 
Ci dice tutto il direttore del periodico:  
Mi corre l'obbligo di precisare che il Comune ha acquistato lo "scheletro urbano" di via Gramizzi non per l'invito a sloccare la perdurante situazione da parte di Cara Val Stirone".
Stando alle dichiarazioni del sindaco (che ho letto soltanto ieri sulla Gazzetta del 6 luglio) di questo progetto ne parlavano Comune ed Arma dei carabinieri da sei mesi.
A questo punto l'importante è chiedersi: quanto tempo dovrà passare prima che l'ecomostro dell'area ex Esso venga trasformato?
Scommettiamo che passerà ancora diverso tempo?
Il che non è proprio quel che auspicava Cara Val Stirone. Anzi è l'esatto contrario, come si legge nel suo ultimo numero in edicola.
E poi sisa che i tempi delle amministrazioni comunali sono notoriamente molto dilatati".
Fidenza, 25 luglio 2017
 

30 commenti:

  1. Poi non si capisce perché il comune si vada ad indebitare per oltre 3 milioni di euro con un ipotesi di rientri dalla investimento in circa 70 anni! Con l affitto dichiarato a 60.000 euro l anno...
    Un comune ha altre funzioni sociali. Poteva contribuie ma senza arrivare ad una decisione simile a mio avviso. Senza parlare della soluzione logistica che non pare possa comunque essere delle migliori.

    RispondiElimina
  2. Tutto quello spazio per la sola arma dei Carabinieri? Staremo a vedere .... Pensavo anche che l'attuale sede dei Carabinieri è in una zona molto appetibile!

    RispondiElimina
  3. Roberta Taccagni26 luglio 2017 14:42

    Nella mia infinita ignoranza mi chiedo con quale logica era stato dato il permesso di costruire l'obbrobio attuale che occupata tutta l'area. Uscire dal possibile palazzo vuol dire ritrovarsi in mezzo alle strade e non in senso letterario, non c'è uno spazio di sucurezza. La posizione è pessima, come d'altronde altri palazzi di Fidenza. Ho sempre pensato o a un bel prato o a un parcheggio biciclette e moto. A volte l'amministrazione dovrebbe vietare certe insensataggini, anche se la legge lo permette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robertan Taccagni26 luglio 2017 18:08

      Evidentemente scrivere dal cellulare non è ottimale, volevo scrivere:... l'obbrobrio attuale che occupa ... ..di sicurezza..... Sorry!

      Elimina
    2. perfettamente d'accordo.....spazio verde minimo...anche per sgambamento cani o piccolo parcheggio.....ma vedendo le brutture fatte in nome della "riqualificazione" mi chiedo quali siano le menti che decidono tutto ciò,senza naturalmente chiedere o informare i cittadini...
      ad esempio stamattina andando in banca ho attraversato il giardini di piazza matteotti recentemente rimessi a nuovo per la gioia dei bambini...ho notato che poichè non sono state rimesse le piante tolte lo scorso anno la nuova piattaforma è in gran parte al sole ...cosa ottima durante l'inverno ma non certo di questa stagione e i giardini sono frequentati soprattutto d 'estate...
      le aree verdi sono una ricchezza per tutti ma non per i nostri amministratori.....peccato...battaglia persa....

      Elimina
  4. Assegneranno un piano per ogni carabiniere ed il resto rimarrà in preda a topi, ragni, scarafaggi, come per i Terragli. Vorrò vedere poi con quali acrobazie le auto dei CC entreranno ed usciranno da quel mastodonte incuneato nella Via Emilia, tra rotondone, rotondine e fagioli, a sirene spiegate. Sarebbe più comodo un elicottero sul tetto. Minchia, signor tenente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si preoccupi,prof Bifani...toglieranno i tigli della rotonda ed il gioco è fatto.....come invidio gli abitanti di via iv novembre!

      Elimina
  5. Era proprio necessario spendere 351.000 Euro e poi aggiungere tutti quelli della spesa di ristrutturazione, per costruire una nuova caserma dei C.C.? E la logistica è stata presa in considerazione? Se la proposta fosse stata sottoposta al giudizio dei bambini delle classi elementari (che tra l'altro dovranno pagare il debito), avrebbero risposto logicamente che l'idea non era da prendere nella minima considerazione. C'è ancora speranza, data la lungaggine della burocrazia, che nel frattempo qualcuno ci ripensi e ponga rimedio a questo progetto.

    RispondiElimina
  6. un'altra vergogna....I carabinieri potevano spostarsi nei terragli? Perché i soldi dei cittadini vengono così buttati?

    RispondiElimina
  7. L'ecomostro sarebbe un abuso edilizio, se non fosse stato approvato, non si sa come, qualche amministrazione fa. La cosa migliore sarebbe la demolizione, ma a Cementia questo non succede.

    RispondiElimina
  8. Ennesima dimostrazione che il parere dei cittadini è ininfluente. Stupar un po' ad busi? Voglio proprio vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il secolare sconcio dello stato del cimitero? La scala a sinistra dopo il secondo piccolo arco, è ancora inagibile e cadente, da decenni.
      Meglio trafficare nelle grandi opere che lasciano un'immagine faraonica ai posteri: e c'hiétàr? Tant i'en bèlè èndè.

      Elimina
  9. Per avere uno spazio più consono ed una sede esteticamente migliore, potevano, i CC, occupare qualche piano dell'ex-Pinguino, invece di quello schifo, una spina nel fianco di Fidenza. Ma chi ha fatto il progetto di quella boiata pazzesca, meglio ancora cag..., alla Fantozzi? E a quale scopo originario?

    RispondiElimina
  10. Sarebbe stato senz'altro meglio rendere più decoroso lo stato del cimitero, anziché sprecare i denari pubblici in una spesa inutile come quella dello scheletro. Quello sarebbe da demolire, non da completare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dirla con una battuta, non fosse che nel nostro riposano i miei vecchi e tanti ma tanti amici, direi che i responsabili, tra scheletri e scheletri, preferiscono quelli che rendono anche da morti

      Elimina
  11. Ed ora quanto ci costerà finire tutto quel mostro? Demolirlo sarebbe costato meno. Speriamo che rispondano agli interrogativi del Sig. Bifani

    RispondiElimina
  12. mi sembra un'ottima idea.....chiediamo ai nostri amministratori se hanno preso in considerazione questa possibilità...
    intanto noi chiediamoci : "cui prodest?"

    RispondiElimina
  13. Una domanda da casalinga: nella gestione del denaro, in questo caso pubblico, non c'è un ufficio preposto super partes che controlli le spese e ne verifichi la fattibilità e l'opportunità in relazione a tutte le esigenze concrete del Comune che non è composto solo dalla maggioranza del momento?
    Perché continuare ad indebitarsi per assurdi progetti?
    Provate a pensare alle uscite di emergenza dei carabinieri in una strada trafficata, nelle vicinanze di un supermercato, in presenza di rotonde...
    È stato chiesto il loro parere su questa soluzione?

    RispondiElimina
  14. no,non è stato chiesto nessun parere nè data alcuna informazione prima......solo dopo con aria di trionfo tipo"abbiamo risolto in un sol colpo il problema della nuova caserma e dell'ecomostro...vedete come siamo bravi".....
    ricordiamocene alle prossime elezioni comunali

    RispondiElimina
  15. Signora Marisa il suo intervento è perfetto, però deve mettere in conto che "Roma docet" purtroppo! A quanto pare con il comando dei Carabinieri ci sono state le consultazioni a suo tempo. Stiamo a vedere.Buona giornata.

    RispondiElimina
  16. Per terminare i lavori indiranno gara appalto?? ..... o avranno già preso accordi?? Prima di fare un simile acquisto avranno sicuramente sviluppato, a monte, un progetto con qualcuno ...intendo qualche costruttore....non posso pensare che sia stato fatto d'impulso.

    RispondiElimina
  17. hanno sicuramente fatto bene i conti altrimenti non avrebbero acquistato .
    niente accade per caso quando si tratta di appalti.

    RispondiElimina
  18. Cabassa Andrea30 luglio 2017 13:18

    a qualche cooperativa per caso ??? e magari già in concordato ??? ospedale docet......

    RispondiElimina
  19. Cabassa Andrea30 luglio 2017 18:21

    è fuori tema ma visto che gli amministratori lo leggono e di sicuro interesse dei cittadini lo posto qui
    a ottobre 2016 alla mia richiesta della sparizione dei sistemi di parcheggio prepagati l'assessore mi garantiva che entro la fine di febbraio sarebbe partita l'app per pagare i parcheggi del tipo utilizzato a parma, utilizzabile quindi anche nel capoluogo.
    ad oggi ancora nulla.
    specialmente per noi artigiani sarebbe utilissimo sia perchè ci mettiamo più a inserire la targa che la commissione da fare e sia per non avere il patema che scada se un lavoro si protrae oltre il previsto.
    in più sarebbe utile per chi parcheggia in via xx settembre vicino al negozio di pippo visto che la macchinetta rimane in piazza pontida vicino all'ex liceo ad alcune centinaia di metri !!!!!!

    RispondiElimina
  20. Anch'io ho un fuori tema, se posso, da ricordare al Sig. Sindaco e all'assessore preposto ed è : Via Baracca. Perché da oltre 10 conoscete il problema e nulla fate? Ma i dati dell'inquinamento di aria e acustico e le situazioni di pericolo per i cittadini li conoscete molto bene. Anni fa per togliere a Voi un problema ma crearne uno in più agli abitanti avete fatto rimuovere i divieti di sosta. Rimangono le situazioni di pericolo e di inquinamento che nel periodo scolastico si aggravano.
    Perché non fate nulla? Perché? Grazie

    RispondiElimina
  21. Cabassa Andrea1 agosto 2017 22:47

    parlando sempre di spese pubbliche stanno cambiando le lampade nella rotonda di piazza gramsci con un modello con diametro inferiore in modo che non sporga e venga rotto facilmente, penso che senza esagerare ne abbiano già sostituite almeno una cinquantina, questa la bella notizia, la brutta è chi paga la modifica necessaria a sistemare una palese cazzata progettuale ????

    RispondiElimina
  22. Cabassa Andrea10 agosto 2017 00:02

    vedo che riguardo alle lampade ne hanno cambiate solo alcune ed ora è un puzzle di grosse e piccole.
    per le altre bisogna assoldare qualche camionista che peraltro non potrebbe passare di li ???
    se non si prende chi le rompe chi paga ???
    il progettista potrebbe contribuire visto la cazzata fatta ???
    questa mattina l'ho impegnata a modificare uno scarico che non mi piaceva come lo avevo fatto e siccome era un mio errore/svista non lo paga certo il cliente, quando la pubblica amministrazione prenderà esempio dagli artigiani, quanti soldi si risparmierebbero se pagasse chi sbaglia.
    in effetti sono ancora un sognatore..............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo che la progettazione è stata affidata ad uno studio esterno al Comune ed è costata all'incirca 100.000 euro.
      Con tutti gli architetti, ingegneri e geometri che abbiamo in comune (e che se la tirano), non ne abbiamo nemmeno uno che sia in grado di progettare una rotonda decente? Un semplicissimo geometra avrebbe potuto farla in una settimana, forse più bella.

      Elimina
  23. E non un accenno di replica da parte di qualche amministratore! La gente non è contenta !!! È evidente dai commenti. Risultato: altri scempi.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi