giovedì 3 agosto 2017

Una carrellata sul macello dal 1907 al 2017



Data di costruzione / dismissione: 1907 - 1987

La costruzione del macello di Borgo San Donnino, nome della città di Fidenza fino al 1927, fu ultimata all'inizio del Novecento, conclusa da mura perimetrali interrotte da un imponente ingresso. Quest'ultimo, distrutto dai bombardamenti durante il secondo conflitto mondiale, è stato ricostruito nel dopoguerra per essere poi definitivamente sacrificato durante la riqualificazione dell’antistante piazza. 

Il macello pubblico ha assistito alle trasformazioni urbane che hanno interessato la parte occidentale del centro abitato. Agli inizi si affacciava su di un vasto prato che talvolta si presentava come una distesa di lenzuola lavate nell’adiacente lavatoio pubblico. Il prato antistante il complesso è stato in parte occupato da costruzioni realizzate negli anni sessanta e dal lastricato in pietra della piazza. Attualmente la struttura, costituita da due edifici paralleli, uniti tra loro da un fabbricato trasversale, ospita un circolo ricreativo ed una sala conferenze, mentre la parte posteriore è stata adibita a parco pubblico.


"... una distesa di lenzuola lavate ..."
Dal macello Borgo San Donnino si presentava così, roba da UNESCO.
Correva l'anno 1908, a destra la fossa dell'Oriola, pochi anni
prima lo Stirone, ancora senza argini, esondò riempiendola.  
Oggi è un'altra cosa, rimane suggestivo ma col photoshop

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi