martedì 30 luglio 2013

PSC di Fidenza? Eccolo

3 commenti:

Affidato il 25 gennaio di un anno fa dal Sindaco di Fidenza l'incarico di redazione dei nuovi strumenti urbanistici al team di professionisti (Prof. Arch. Francesco Karrer, l’Ing. Gian Luigi Capra, l’Arch. Alessandro Tassi Carboni e il Prof. Ing. Michele Zazzi) siamo ora alla prima presentazione del lavoro che deve ritenersi propedeutico alla definizione del programma operativo del Psc.
La bozza del documento preliminare del PSC unitamente agli ideogrammi di riferimento è stata infatti presentata il giorno 25 luglio presso la sala del consiglio comunale, una prima riunione della commissione consiliare n. 2  alla presenza degli estensori dei nuovi strumenti urbanistici comunali.

sabato 27 luglio 2013

La stagione delle lucciole migranti

2 commenti:

"Il fenomeno negli ultimi tempi sta dilagando e potrebbe ulteriormente aumentare considerata la fondata probabilità che vi sia una trasmigrazione di lucciole da Reggio Emilia."

La valle di Contignaco nel 1927

Nessun commento:

Con l'articolo, che riprendiamo pari pari dal periodico diocesano Il Risveglio, ripercorriamo la valle di Contignaco a sud di Salsomaggiore lungo il torrente Ghiara. In questo breve scritto la valle appare in tutta la sua secolare immobilità, quasi uno scrigno di memorie. 
Siamo nel 1927 ed a valle, dove le costruzioni sono lambite dal torrente, abbiamo una piccola città senza un nome proprio ma con la sola indicazione della sua antica fonte di ricchezza: il sale. 
Ma a quei tempi oltre al sale già la cittadina aveva sviluppato quel processo che l'avrebbe ad un certo momento resa famosa per il termalismo e per le attività di turismo elitario. 
Liberty e Decò avevano fatto di questa cittadina un piccolo gioiello che intatto, ma spento, ancora permane. La valle di Contignaco ne rappresenta tuttora lo sfogo verde. 

giovedì 25 luglio 2013

"Alleluya Band" dal Malawi a Salsomaggiore

Nessun commento:

"Alleluya Band" dal Malawi
Questi ragazzi saranno con noi il prossimo 28 agosto a Salsomaggiore Terme in Piazza Berzieri. 

Nell'anno del trentacinquesimo della sua fondazione, con 10 tour internazionali, 5 giornate mondiali della gioventù a Colonia, Roma, Sidney, Madrid, Rio e numerosi concerti nel continente africano alle spalle, l'Alleluya Band torna in Italia con rinnovato entusiasmo per portare attraverso i canti e le danze, messaggi di vita, amore e gioia, valori fondamentali di ogni cultura ...

lunedì 22 luglio 2013

Esposizione d’arte “Cristo, Figlio di Dio”

Nessun commento:
Il Cristo del pittore Oreste Emanuelli - affresco

Mostra "Cristo, Figlio di Dio" 

Sono 20 gli artisti che il prossimo ottobre parteciperanno all'esposizione d’arte dal titolo “Cristo, Figlio di Dio” che si svolgerà in ottobre 2013 nella Chiesa di S.Giorgio in Fidenza (Pr).

venerdì 19 luglio 2013

Si ovalizza l'incrocio della strada dei frati

Nessun commento:

Lo spiega con dovizia di particolari il Vice Sindaco nonché assessore ai Lavori pubblici Stefano Tanzi che precisa che i lavori partiranno lunedì 22 luglio per terminare a settembre. Si tratta del rifacimento della intersezione  tra via Trento, via Emanuelli e via Alfieri. 

C'è un futuro per la scuola di Contignaco?

4 commenti:

Per dare una risposta alla domanda posta come titolo occorre prima rispondere a quest'altra domanda: cosa rimane della vecchia scuola di Contignaco?

Preghiera di un italiano sfiduciato

4 commenti:


Del prof. Franco Bifani pubblichiamo questa preghiera. un tentativo di attualizzazione del "Padre Nostro" che blasfemo non è. Già altri filosofi di razza avevano compulsato la prima delle preghiere. Ne ricordiamo una interpretazione fra tutte: qualche decina d'anni fa il filosofo Emanuele Severino cercava di dimostrare che la "volontà di potenza" della cultura occidentale si rintraccia anche in questa preghiera all'indicativo.

Diario di Viaggio in largo Cremonini

3 commenti:

Dosaggio azzeccato degli ingredienti, reportage più cinema, scelta del posto giusto, porta medioevale di borgo, semplicità nella presentazione da parte dei promotori, Maurizio Marchinetti e Marco Cavallini, pubblicità non invasiva ed infine scongiuri verso gli iettatori di professione (uno individuato poco prima della rappresentazione) sono i motivi del successo dell'iniziativa Diario di Viaggio che ci accompagnerà per tutta l'estate. 

mercoledì 17 luglio 2013

L’inaugurazione della Chiesa di Rigollo a Pellegrino Parmense dopo la ristrutturazione

Nessun commento:

Nel giorno di domenica, 21 luglio 2013, alle ore 18.00 si inaugureranno i lavori di miglioramento sismico della Chiesa di San Pietro Apostolo in Rigollo nel Comune di Pellegrino P.se (Parma), resi possibili grazie ad un finanziamento della Regione Emilia Romagna e dai fondi 8 per mille della Chiesa Cattolica Italiana. I lavori hanno interessato principalmente le coperture e le volte dell’aula, che sono state consolidate secondo le più recenti tecnologie, il tutto sotto la sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Parma e Piacenza. Anche la Parrocchia, e la comunità locale, ha dato un significativo contributo all’opera di restauro.

Alla Camera si presenta il libro-inchiesta ‘Cibo criminale’

Nessun commento:
Alla Camera si presenta il libro-inchiesta ‘Cibo criminale’

“Rafforzare l’apparato di indagine e migliorare le norme”

Colomba Mongiello (PD)


“La contraffazione alimentare è un reato particolarmente grave, perché mette a rischio la salute dei consumatori oltre a provocare danni economici di grande rilievo all’intera filiera agroalimentare, su cui bisogna porre crescente attenzione ad ogni livello istituzionale”. Lo afferma l’on. Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura, che ha promosso la presentazione alla Camera del libro-inchiesta ‘Cibo criminale – Il nuovo business della mafia italiana’.

Incompatibilità confermata per il Sindaco Mario Cantini

1 commento:
“Sono, almeno per adesso, orientato a rinunciare alla mia carica. Comunque giovedì tornerò dalle mie ferie, parlerò con i miei colleghi della maggioranza e prenderò la mia decisione definitiva. Da quando l’Usl mi farà la contestazione avrò 15 giorni di tempo per decidere. La politica non è riuscita a mandarmi a casa, ci voleva una legge”


Il pronunciamento della Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche CIVIT del 15 luglio 2013 ( Delibera n. 58/2013: parere sull’interpretazione e sull’applicazione del d.lgs. n. 39/2013 nel settore sanitarioconfermerebbe che il sindaco di Fidenza Mario Cantini l'incompatibilità di cui al decreto “anticorruzione” (d.lgs. n.39/2013) in forza del deliberato 3b che “i direttori di dipartimento e di presidio e, in generale, i direttori di strutture complesse rientrano sicuramente nel campo di applicazione della disciplina in esame”
Sull'argomento vedi anche "Sindaco al bivio"?

martedì 16 luglio 2013

lunedì 15 luglio 2013

Natura a Km zero

1 commento:
Parco della Pace in Largo Leopardi

La "Mansarda" di Piè di Via

Nessun commento:
Lettura: "se la poesia muore" di Maria Negri

Trent'anni fa, precisamente il 22 gennaio 1983, veniva conferito ad Maria Negri il premio di poesia "Quercia d'Oro 1983". La scuola di Piè di Via allora era attiva e Maria ne era l'animatrice "madre, educatrice e scrittrice" come dice l'articolo de "il Risveglio" che riproduco qui sotto in immagine.

domenica 14 luglio 2013

La piana di Cabriolo e la piana di Pico (o di Malvisi?)

Nessun commento:
"Pieno murato alla Festaunità Fidenza
Ma l'Apparato è in grado di gestire le masse!"

Festa in sordina
Ieri, sabato, dopo aver letto il resoconto, su NC, di un venerdì di magro, alla Festa del PD, o dell'Unità, come piace ai veterocomunisti dei tempi di Baffone, mi sono recato, in compagnia di amici, in quel lato di Cabriolo, opposto alla chiesa dei Templari, occupato da atei “cumunisti”, brutti, sporchi, ignoranti, cattivi e pedofagi, come li ha definiti Colui che ci governa da 20 anni. Ho calpestato, bagnandomi le fettone del 46, un lungo e periglioso tratto di campo, con erba fradicia e puteolente, fino a giungere alle porte degli Inferi. 

sabato 13 luglio 2013

Viabilità: e non chiamiamola criminale

Nessun commento:

Fidenza, snodo tra via Emilia est e tangenziale nord direzione Parma

Bastelli e il pensiero dominante

Nessun commento:

Venerdì  19 luglio ore 20,30 a BASTELLI ( Frazione di Fidenza) presso il Santuario di San Anna la presentazione del sesto romanzo di Miriam Scotti. La presentazione a Bastelli segue quella avvenuta a Recanati, nella patria del poeta Giacomo Leopardi cui l'opera di Miriam Scotti fa esplicito riferimento. Manfredo Pedroni, vicepresidente della Provincia di Parma ha curato la presentazione del libro che sotto proponiamo per la lettura

Prefazione al romanzo 

venerdì 12 luglio 2013

Srebrenica

1 commento:
Il cartello che indica la città di Srebrenica, in Bosnia: l'11 luglio, o forse il 12 luglio 1995, come segnato in rosso, c'è stato il massacro di più di ottomila persone.

Duomo, la cappella con l’affresco della Crocifissione

Nessun commento:

Nella storia della chiesa fidentina, le confraternite meritano certamente un posto di rilievo perché sono tra le più antiche espressioni dell’associazionismo laicale e per il ruolo che   hanno assunto nel corso dei secoli  nella vita spirituale, artistica e culturale delle nostre comunità.
Vincenzo Plateretti, nelle sue ormai famose “Memorie per servire alla storia dello stato attuale di Borgo San Donnino”,  ne ricorda cinque  ancora esistenti in città agli inizi del secolo XIX: quella  del SS. Sacramento in Duomo, della B.V. della Misericordia detta dei Cinturati in S. Pietro,  della SS. ma Trinità presso  l’oratorio di S. Giorgio,  del Suffragio “detta del Cordone” nella Chiesa dei PP. Conventuali di san Francesco e  “finalmente quella della Morte, nella Chiesa o Oratorio di S.ta Maria della Rocca, o Madonna del Pilastro”.
Di altri pii  sodalizi  si ha notizia nei secoli precedenti, ma nel complesso si tratta di una realtà ancora poco chiara e poco studiata.  Pochissimo sappiamo, ad esempio,   della confraternita penitenziale  dei Battuti Bianchi o Disciplinati o Scoatti, che fino al 1778 ebbe come proprio oratorio la chiesa di Santa Maria Annunziata. Particolarmente impegnati  nella diffusione della devozione  mariana  e a promuovere  opere di carità verso i poveri infermi, gli orfani e i pellegrini, il loro ricordo di questi confratelli laici è legato  soprattutto alla caratteristica immagine  degli incappucciati raccolti sotto il manto protettivo della Vergine Maria, affrescata sopra l’altare maggiore, e alla stessa architettura della chiesa, con le sue  stratificazioni romaniche, gotiche, rinascimentali e settecentesche, nonché al contiguo bellissimo chiostro tardo quattrocentesco. 
Da citare  inoltre   le Confraternite  della Visitazione e del santo Rosario, presenti già nel secolo XVI   nella  parrocchiale di san Michele Arcangelo: ad esse si devono  la  tela seicentesca della Visitazione firmata dal fidentino Francesco Lucchi (1610 c), oggi presso la settecentesca Chiesa-Santuario della Gran Madre di Dio, e la coeva pala della Madonna del Rosario, commissionata al cremonese  Andrea Mainardi (1610),  andata distrutta nel corso dell’Ottocento ma di cui rimane un notevole frammento nell’Assunzione attribuita a Vincenzo Campi e attualmente esposta presso il Museo del Duomo.
Una delle  confraternite più antiche, forse la prima ad essere ufficialmente riconosciuta dalla chiesa fidentina, è di certo quella del “ Venerando Consorzio di San Donnino”, le cui  origini  vanno  probabilmente ricercate  nel lontano medioevo, prendendo come riferimento storico l’analoga confraternita  fondata  nel XIII secolo presso la Cattedrale di Parma, sotto il nome di  “Consorzio dei Vivi e dei Morti”. 
Nella chiesa di San Donnino i  Consorziali si occupavano primariamente delle esequie, della sepoltura e del suffragio dei confratelli e consorelle  iscritti,  ma la loro attività  si estendeva anche ad altre iniziative caritative, verso i poveri e in particolare le fanciulle bisognose di  dote,  e al decoro della chiesa con l’erezione di altari e cappelle,  realizzate grazie a donazioni e  lasciti testamentari,  come la cappella di san Francesco, pervenuta a noi ancora quasi intatta, con l’ancona in legno intagliato e dorato e la pala del Mainardi, la cappella di San Pietro in Vincoli (oggi di sant’Andrea Avellino) e quella dedicata alla Purificazione di M.V. (oggi del Carmine). 
Agli stessi Consorziali si deve anche  la costruzione nel 1597 del portale a mezzogiorno, pensato per favorire l’accesso al vecchio battistero situato presso la cappella della Ferrata: “…si sono convenuti di far fare a comune spesa uno portichetto sopra la via comune da mezzogiorno sì per ornamento sì anche per gli figlioli o creature che a detta chiesa si portano a batteggiare, et per le donne che vi vengono a levar di parto“ (Trecasali , 13 ottobre 1597)
Sappiamo inoltre che la  confraternita  disponeva in Cattedrale di una propria cappella per le pratiche religiose degli adepti: si tratta della   prima delle quattro laterali della navata di destra,   detta  “cappella dell’affresco con Crocefissione”, recentemente restaurata da  Beatrice Barbagallo. La sua originaria appartenenza al Consorzio, rammentata dall’ultimo dei sagrestani storici, il cav. Davino Parmigiani, è attestata anche  dalle fonti d’archivio, in particolare  dal diario inedito del canonico  Alfonso Trecasali (“altare venerandi Consortii presso la torre” ) e il verbale della visita pastorale effettuata nel 1627 da mons. Ranuccio Scotti : “…succesive visitavit altare santi Petri in Vincula, sucessive visitavit altare santi Francisci visitavit quoque altare venerandi consortii…” (Visita pastorale, 1627, cfr.: K.Yoshie, p.124).

L’individuazione della antica sede dei consorziali  rappresenta, a mio avviso, un dato  interessante non solo per  la storia e le vicende architettoniche del massimo tempio fidentino, ma  anche  per  meglio comprendere il significato delle pitture che arricchiscono  uno degli angoli meno conosciuti del nostro Duomo: l’ immagine molto realistica di Cristo morente  sulla croce affiancato da Maria e Giovanni, sembra infatti esprimere magnificamente la spiritualità di un sodalizio religioso  tutto proteso a testimoniare con le opere l’Amore misericordioso di Cristo.   
Stando alle guide, la cappella dei Consorziali sarebbe stata “aggiunta attorno alla metà del 500”, ma la  datazione è   troppo avanti rispetto alla Crocefissione e agli altri frammenti di affreschi, che fanno   pensare, come conferma Mariangela Giusto, ad   un ignoto pittore di formazione lombarda, forse  un cremonese, attivo tra la fine del Quattro e gli inizi del Cinquecento. 
Alla fine  del  Settecento risale invece la cornice in stucco  di gusto tardo barocco che racchiude il prezioso affresco tardo rinascimentale. A questo intervento, che ha comportato la distruzione di gran parte delle decorazioni originarie,  accenna  indirettamente  il  diario del pittore fidentino Angelo Dalverme (1748-1825), che in data 10 ottobre  1778,   annota di aver ricevuto la somma di L.215 dal rettore del Consorzio, Ferdinando Ansaldi, come compenso per una tela da collocarsi sulla cimasa dell’ancona: “Dal Sig.e  Rettore del Consorzio Ferdinando Ansaldi per un quadretto della B.a. V.e del consorzio posto in d.o Altare L.215” ( cfr.:A. Leandri, “Il pittore. Angelo Carlo Ambrogio Dalverme..”, p.45).  La  piccola tela mistilinea,  tuttora  in situ, ricalca lo schema tradizionale della Madonna della misericordia. Essa infatti  raffigura la Vergine  in piedi nell’atto di accogliere sotto   il suo manto i consorziali di San Donnino, ritratti  a destra le donne e a sinistra gli uomini: nel gruppo di  quest’ultimi, nel personaggio che guarda verso l’osservatore, è forse riconoscibile  l’autoritratto del pittore, come  lasciano supporre l'atteggiamento, l’età e il vestito nero dei chierici, un particolare quest’ultimo coerente col titolo di abate di cui fregiava l’artista fidentino, coetaneo, amico e collaboratore di Don Pietro Zani.
Allo stesso  Dalverme  sono attribuibili, a mio avviso,   anche il disegno della  cornice e i decori  con  ornati e volute, mentre per gli ornati architettonici e  i vasi di fiori, riemersi dopo il restauro  ai lati dell’altare, è possibile fare il nome del prospettico e ornatista piacentino   Antonio Maria Ferrari (1736-1802), suo stretto collaboratore.
Nel 1924, come ricorda lo storico fidentino don Guglielmo Laurini (“S.Donnino e la sua città”, 1924, p.58) la cappella dei Consorziali, essendo la  confraternita da tempo  soppressa o comunque non più attiva,  è  ridedicata a san Gislamerio e ancora una volta trasformata, con l’aggiunta  del pavimento in gres, della balaustra, dell’ altare in marmo bianco, tuttora esistenti, e di una nuova pala raffigurante il compatrono di Borgo. Quest’ultimo dipinto,  opera  del pittore parmense Umberto Concerti (1891-1979), verrà in seguito  rimosso e quindi  trasferito presso il Palazzo Vescovile, dove è tuttora  esposto. 
Per concludere, un’ultima annotazione, di carattere “archeologico”, relativamente all’esistenza di un vano sotterraneo scoperto nel corso degli scavi effettuati nel 1994 sotto il pavimento della cappella dalla Soprintendenza ai Beni architettonici: i risultati della ricerca  non sono stati ancora resi noti, come lamenta Kojima Yoshie, ma non è escluso  che si  tratti proprio dell’ossario dei benemeriti  quanto dimenticati Consorziali di San Donnino. 
Guglielmo Ponzi
Da "il Risveglio" 12 luglio 2013



Che ne sarà del museo di Gainotti?

1 commento:

La scuola di santa Margherita va all’asta: e ora che ne sarà del museo di Gainotti?

L’ ex scuola elementare di s. Margherita andrà all’asta con una base di 250 mila euro: lo ha deciso una decina di giorni fa il Consiglio comunale.
Rischia di andare perduto quello che è stato chiamato Centro di educazione ambientale, ma che è in realtà un vero e proprio museo della civiltà contadina. Dal 1995 allo scorso anno ha ospitato 376 classi della provincia di Parma che vi hanno svolto attività didattica.
Lo ha “creato” l’ex maestro elementare Adriano Gainotti che, a partire dagli anni ’60, ha iniziato a raccogliere il materiale e lo ha accuratamente catalogato.
E da quando è andato in pensione, nel 1996, si è attivato volontariamente per fare da guida alle varie classi. Le ultime visite risalgono allo scorso anno; poi la struttura è diventata inagibile per alcuni cedimenti del terreno.
Ma come è nata questa bella esperienza? 

Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...

3 commenti:
"L'ideologia, l'ideologia
malgrado tutto credo ancora che ci sia
è la passione, l'ossessione
della tua diversità
che al momento dove è andata non si sa
dove non si sa, dove non si sa."


Read more: giorgio_gaber/canzoni/testo_destra_sinistra

giovedì 11 luglio 2013

A Fidenza uno stabilimento a rischio incidenti rilevanti

Nessun commento:

Sono 8 a Parma gli stabilimenti a rischio incidenti rilevanti nella lista dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale pubblica, tra questi 8 una è a Fidenza. Si tratta della Socogas Spa a Fidenza proprietaria di un deposito di gas liquefatti a Parola, lungo via Emilia.

mercoledì 10 luglio 2013

Urbanistica criminale

2 commenti:

Nel suo intervento (CC del 8 luglio 2013) relativo alla riqualificazione della "Zona Sud Ovest del centro Urbano" di Fidenza nota come "Bomboloni", il consigliere di minoranza  del PD Luigi Toscani coglie l'occasione per puntualizzare che nel caso di Fidenza non si può parlare di "urbanistica criminale". Spiega che definire criminale l'urbanizzazione dei triangoli a sud di Fidenza Villa Ferro, quartiere Europa e quartiere Gigliati configura un giudizio censurabile in quanto lesivo dell'immagine delle passate amministrazioni di sinistra e/o centrosinistra.

Elogio della Centrale di Cogenerazione

5 commenti:


Il "cuore energetico" di Fidenza, così è stata battezzata la Centrale di Cogenerazione del quartiere Europa a sud di Fidenza. Parliamo di uno scheletro in cemento che in spazi sotterranei contiene caldaie tradizionali a gas. Ne beneficiano provvisoriamente le abitazioni attualmente occupate del quartiere Europa che, incautamente, non si sono attrezzate con impianti autonomi.

martedì 9 luglio 2013

Nuovo Solari nell'area di Via Crocerossa

2 commenti:
In primo piano un tratto di Via Crocerossa e quindi il nuovo edificio scolastico, oltre 
vediamo un filare di piante lungo il Canale Otto Mulini, sulla destra in alto il Cimitero

Con determinazione N. 545 del 01/07/2013 del settore: ASSETTO DEL TERRITORIO l'Architetto Capo Alberto Gilioli  ha aggiudicato "definitivamente l’esecuzione dei lavori di “costruzione di nuovo istituto scolastico (I.P.S.A.A.) in via Croce Rossa”, alla ditta I.T.I. IMPRESA GENERALE s.p.a. con sede in Modena, via Portogallo n.60, aggiudicataria della procedura aperta, quale migliore offerente e per il corrispettivo contrattuale di € 4.647.959,00 oltre all’i.v.a". 

Un altro importante passo nel laborioso iter burocratico che porterà alla realizzazione del Nuovo Solari nell'area di Via Crocerossa oltre il terrapieno della ferrovia e nei pressi del parcheggio di Via Marconi.
L'intera opera costerà Euro 6.929.500 di cui  € 4.647.959,00 oltre all’i.v.a. costituiscono il corrispettivo contrattuale alla ditta aggiudicataria I.T.I. IMPRESA GENERALE s.p.a. con sede in Modena, via Portogallo n.60.
L'opera verrà finanziata oltre che dalle risorse comunali dalla  Fondazione Cassa di Risparmio di Parma, dalla Provincia di Parma e da Fidentia s.r.l soggetto attuatore delle torri della stazione, Nuovi Terragli, e del progetto nell'area Solari-Foro Boario. 
Il contributo provinciale per euro 1.000.000,00 sull'annualità 2014, è stato inserito bilancio di previsione annuale e pluriennale 2013 – 2015 approvato con deliberazione di Consiglio provinciale n. 41 del 29 maggio 2013. Minori certezze riguardano   la riassegnazione del contributo per la costruzione della palestra della palestra del  nuovo IPSAA Solari, che, per scadenza dei termini inizialmente previsti, dovrà essere riassegnato.
Ma le principali perplessità riguardano il contributo Fidentia s.r.l "principale soggetto attuatore del PRU, visto che 
"in data 27 giugno 2013, prot. n. 15997 ha fatto pervenire valutazione favorevole all'aggiornamento degli accordi negoziali relativi alla seconda fase attuativa del PRU sul nodo stazione con la contestuale definizione dei contenuti di accordo transattivo per la risoluzione consensuale nel caso in cui, al momento della stipulazione del definito accordo di programma, dovesse determinarsi una situazione di carattere economico finanziario, non dipendente in alcun modo dalla volontà delle parti, tale da non consentire alla società l'utile attingimento delle risorse necessarie per dare adempimento agli impegni assunti con gli accordi negoziali, originario e relativi aggiornamenti ed integrazioni; tale accordo prevede, in particolare, la conservazione della proprietà  comunale, nella sua integrità, sull'area dell'ex foro boario suscettibile degli interventi di trasformazione urbanistica definiti nell'ambito del PRU;Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 119 del 27 giugno 2013 di definizione dell'accordo transattivo sopra richiamato con mandato al dirigente responsabile di procedere nei tempi tecnici strettamente necessari alla sottoscrizione di entrambi gli accordi;". 
Il paragrafo citato è ripreso integralmente dalla determina, il linguaggio burocratico spinto all'eccesso fa nascere non poche perplessità circa il buon fine dell'operazione.
Dal testo risulta comunque "la conservazione della proprietà  comunale, nella sua integrità, sull'area dell'ex foro boario", a nostro avviso questo introduce un elemento di cautela che potrebbe aprire altri scenari sul delicato nodo dell'area Foro Boario. 


Settembre 2012 - Occupazione simbolica dell'area di alcuni esponenti politici 
locali contrari alla localizzazione della scuola nell'area di Via Crocerossa
Quadro economico
Il quadro economico di spesa dell’intervento a seguito di ribasso offerto del 20,23% è il seguente importo lavori (al netto del ribasso) 4.522.959, oneri della sicurezza 125.000,00, IVA (10%) su lavori e oneri sicurezza 464.795,90 per un'importo totale lavori di euro 5.112.754,90
Risultano poi somme già impegnate a disposizione per euro 1.816.745,10 che portano l'importo complessivo dell'opera a euro 6.929.500. 
La parte di spesa relativa ai lavori di euro 5.112.754,90  sarà così finanziata: per € 1.300.000 contributo della Fondazione Cariparma, per € 1.000.000 contributo della Provincia di Parma; per € 946.098,70 finanziato con mutuo Cariparma; per € 49.500  finanziato con contributo regionale e per € 1.817.156,20 finanziato con apporto di capitale privato; 
1.353.504,80 per imprevisti, allacciamenti e accertamenti saranno finanziati per € 853.504,80 con apporto di capitale privato; per € 500.000 mediante provento da alienazioni;
€ 385.000 spese tecniche (IVA inclusa) relative a: incarichi di progettazione, alle necessarie attività preliminari, nonché al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, alle conferenze dei servizi, alla direzione lavori e al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, assistenza giornaliera e contabilità in conto dei residui passivi 2011, sarà finanziato con apporto di capitale privato;
€ 24.339 come somma per incentivazione della progettazione interna a favore dei dipendenti coinvolti  finanziato con apporto di capitale privato.

Il complesso di edifici che attualmente ospita l'istituto scolastico Solari 


lunedì 8 luglio 2013

“La ‘cartolina’ non si tocca”

Nessun commento:

In margine all'incontro del 3 luglio avente per argomento la presunta intenzione dell'Amministrazione a procedere con interventi urbanistici attorno alla collina di Cabriolo il Mattino di Parma riassume le conclusioni in un articolo di Alessandro Merlini proponendo anche alcune delle mappe proiettate durante l'incontro.

Lunedì 08 luglio il Consiglio Comunale

1 commento:

Altro cambio di consiglieri, lascia il Consigliere Bergamaschi Fabio della Lista Civica Mario Cantini, gli dovrebbe subentrare il consigliere che ha realizzato più preferenze della stessa lista tra i non eletti Lazzaro Gambazza, nel caso quest'ultimo rinunciasse entrerebbe Marco Magliano. Punti interessanti, per quel che ci è dato sapere, il 4 ed il 5 riguardanti, unitamente al punto 6, il PRG. Il n° 4 riguarda direttamente il centro cittadino tra via XX Settembre e piazza Pontida. Una zona delicata che ha subito continui cambiamenti e che è anche ricordata come luogo della posta e delle scuderie (immagine sopra) di cui si conserva solo l'arco centrale anche se affogato in un edificio di ben altra manifattura. L'area ex bomboloni è l'argomento del quinto punto.

sabato 6 luglio 2013

Alla scoperta di Fidenza con l'aiuto di Pignolo: la Torre del Rüsnón

3 commenti:

La torre, inizialmente concepita come un cilindro metallico avulso dalle architetture dell'ex Collegio delle Orsoline in cui è inserita, è rimasta tale nel tempo subendo tuttavia un processo naturale di antichizzazione che è richiamato dal nome stesso della struttura, Rüsnón.
Con l'aiuto di Pignolo ne ricostruiamo la "lunga" storia:
 Caro Ambrogio,
quella che chiami la "Torre del Rüsnón" è del 2007 (non della seconda metà del novecento), anche se in effetti sembra ben più vecchia.

Non solo Cabriolo, la tutela riguarderà la zona pedecollinare di Fidenza

1 commento:

Anche in questo articolo prevale l'impressione di una disponibilità dell'amministrazione a tener conto delle indicazioni del gruppo di cittadini che si è raccolto attorno all'idea che la collina di Cabriolo e il territorio circostante debbono essere salvaguardati da costruzioni invasive.

venerdì 5 luglio 2013

Del Maestro Luca Pollastri la musica dell'Inno ufficiale Marcia Francescana 2013

Nessun commento:
13 anni dopo aver scritto "Apostoli di gioia - Inno ufficiale del Giubileo dei Bambini" ecco "Chi crede cammina - Inno ufficiale della Marcia Francescana 2013". Il nostro concittadino Maestro Luca Pollastri ha musicato infatti l'inno prescelto come inno ufficiale della Marcia Francescana 2013, un pellegrinaggio che si svolge annualmente in occasione della Festa del Perdono d'Assisi e che quest'anno si svolgerà nei giorni: 25 Luglio - 4 Agosto. 



Chi Crede Cammina

Inno ufficiale Marcia Francescana 2013

Testo di Fra Graziano Malgeri
Musica di Luca Pollastri

giovedì 4 luglio 2013

Il comitato "Salviamo Cabriolo" valuta positivamente l'incontro pubblico con il Sindaco

Nessun commento:
Il Sindaco Mario Cantini, il Vicesindaco Stefano Tanzi e l'arch. Alberto Gilioli


È positivo, a nostro avviso, il bilancio della serata di mercoledì 3 luglio. Per la prima volta, da quando sono stati istituiti gli incontri mensili tra il sindaco e la cittadinanza, era presente una cospicua fetta di popolazione. Segno che, quando gli argomenti sono di reale interesse pubblico, i fidentini reagiscono, partecipano, intervengono.

Siamo perciò orgogliosi di avere denunciato per primi l’evidente anomalia contenuta nei vigenti strumenti urbanistici che consente di trasferire il diritto di edificabilità derivato dalla smantellamento di alcuni vecchi stabili adibiti a porcilaie e a deposito agricolo, in una fascia di terreno prativo individuata a ridosso del fabbricato ottocentesco.

La battaglia di Cacobrolo (Cabriolo) del 3 luglio 2013 D.C.

11 commenti:

Ieri ho partecipato all'incontro tra Cantini, Tanzi e l'architetto Gilioli, nel cortile delle Orsoline. Ero immeritatamente incastonato tra due gentili, cortesi e delicate bellezze muliebri locali, di giovine età, Francesca Pico, e la Cacciamani, che, mi pare di aver capito, è la corrispondente della Gazzetta di Parma, qui a Fidenza. Ne ho subito intuito la cultura umanistica da Liceo Classico. Avevo dinnanzi non Urbino ventoso, ma il dott. Toscani e il mitico Davide Malvisi.

Maleducazione multiculturale

Nessun commento:

Era da tempo che non passavo più da quella breve galleria che unisce Via Berenini a Vicolo Zuccheri. Di mattina presto, ricordo che emanava olezzi ammoniacali ed acidi, di piscio e deiezioni intestinali, inferiori e superiori, tanto per renderla più accogliente a chi la percorreva, di buon'ora, per andare al lavoro. Ora, l'ho attraversata nella tarda mattinata ed al pomeriggio, un paio di volte; spesso e volentieri, è infestata ed impestata da un'orda selvaggia di ragazzotti, nostrani e foresti. Sono tutti preadolescenti o poco più; se ne stanno seduti sui cornicioni dei palazzi e sui gradini dei negozi, sgranocchiano e trangugiano di tutto, mollando cartacce, confezioni, lattine, briciole, bucce di arachidi, tutto intorno a loro, a creare una ghirlanda di rifiuti, che abbellisce il pavimento del luogo. Si lanciano in corse sfrenate, in bici, in monopattino, con derapate micidiali, zig-zagando tra la gente intimorita; giocano a pallone, piantando la palla contro i muri, spero non mai contro le vetrine, dei negozi; prendono per i fondelli i passanti, e, ogni tanto, per variare i momenti ludici, suonano qualche campanello, ai portoni antistanti il breve tunnel, sapientemente trasformato nel loro personale Luna Park. Perlomeno una volta, si sono anche divertiti a prendere a calci i contenitori della carta, spargendone il contenuto dappertutto. 

Cabriolo

Nessun commento:

mercoledì 3 luglio 2013

Le cicale di Cabriolo e la Madonna del Gelso

2 commenti:
Opera di Mario Alfieri, pittore in Fidenza

8 luglio 2009 - le cicale

3 luglio 2013
incontro pubblico 

ore 21 nella corte OF Orsoline Fidenza


Le caratteristiche dell'urbanistica della Piana di Cabriolo saranno al centro di un incontro pubblico promosso dall'Amministrazione mercoledì 3 luglio alle ore 21.00 nella corte OF Orsoline Fidenza.

lunedì 1 luglio 2013

Seguendo la Via Aemilia: Piazza Grandi a Fidenza

Nessun commento:



Si può ripercorrere l'itinerario archeologico lungo i 262 chilometri che uniscono Rimini a Piacenza nell'articolo "Seguendo la Via Aemilia" pubblicato oggi da Beatrice Orsini sulla rivista IBC dell'Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della regione Emilia Romagna. Nell'itinerario è richiamato il complesso di resti archeologici di Piazza Grandi di Fidenza corredato da alcune immagini che riprendiamo in questo post.

Valle di Contignaco

Nessun commento:
Dall'alto della collina della chiesa di San Giovanni anche questa foto di modesta qualità riesce a mostrare la bellezza della parte superiore della valle di Contignaco  a sud di Salsomaggiore al calare del sole dell'ultimo giorno di giugno. Le foto sotto zumano verso il fondo della valle dove domina la costruzione della "scuola dipinta" della Mariola.